Radiologia tradizionale

La radiografia è un esame di diagnostica per immagini che sfrutta i raggi X: queste radiazioni sono in grado di attraversare i tessuti del nostro corpo e di imprimersi su una lastra fotografica, delineando un immagine. Le strutture più dense come le ossa assorbono i raggi x più facilmente di quelle meno dense come la pelle, quindi attraverso i raggi x si ottiene quindi un’immagine in bianco e nero. Il medico radiologo interpreta tali immagini per formulare la diagnosi di numerose tipologie di malattie.

La Radiologia tradizionale comprende gli esami diagnostici che concernano tutti gli apparati: viscerale, cardiopolmonare, scheletrico e urogenitale e costituisce un valido supporto alla valutazione clinica dei pazienti.

Inoltre si eseguono esami specifici come rachide in toto in ortostasi per scoliosi e polso e mano sinistra per età ossea.

Recentemente lo Studio di radiologia Pasta si è dotato di un nuovo macchinario di ultima generazione per l’esecuzione delle radiologie, l‘impianto radiologico telecomandato della General Medical Marate S. p. A denominato “Opera t90fpe”.
Questo impianto fin’ora è l’unico operante a Parma ed è dotato di un sistema digitale di acquisizione ed elaborazione di immagini radiografiche ad alta risoluzione che significa una notevole riduzione di dose di radiazioni al paziente.

Radiologia digitale

foto_radiologia-tradizionaleLa radiologia digitale è l’evoluzione delle tecniche radiologiche tradizionali: il processo digitale permette l’ottimizzazione della qualità delle immagini, la riduzione dell’esposizione alle radiazioni ionizzanti e il supporto su cui vengono archiviate le immagini ottenute. Attraverso le tecniche di radiologia digitale è infatti possibile ottenere immagini non solo su pellicola fotografica ma anche su supporti digitali come CD, DVD e nastri.

Prestazioni:

Segmenti del rachide e dello scheletro in toto

Seni paranasali e epifaringe in pediatria (misurazione del canale aereo-faringeo)

Esofago baritato, prime vie digerenti e tubo digerente completo a doppio contrasto

Clisma opaco a doppio contrasto e con ipotonia indotta farmacologicamente (buscopan 20mg).
Preparazione per la radiografia alle prime vie digerenti e tubo digerente completo

Presentarsi a digiuno dalla mezzanotte del giorno precedente l’esame.
Preparazione per il clisma opaco a doppio contrasto

Nei 3 giorni precedenti l’esame abolire pane, pasta frutta e verdura.
Il giorno precedente l’esame:

  • ore 8 – bere la metà di un flacone di 45 ml di X-PREEP e in seguito bere 3 bicchieri di acqua naturale;
  • ore 12 – consumare un pasto con carne o pesce o formaggio;
  • ore 16 – assumere la restante metà del flacone di X-PREEP;
  • ore 20 – bere una tazza di brodo;
  • nel corso della giornata bere molto (acqua non gasata o thè) e masticare 10 compresse di “MILICON”.

Il giorno dell’esame presentarsi a digiuno.
Per il buon esito dell’esame è fondamentale attenersi strettamente alle norme sopra indicate.
Eventuali Controindicazioni

A parte la gravidanza, in particolare nel periodo iniziale, la radiografia tradizionale e digitale non conosce controindicazioni o limiti particolari.

Partnership

Partnership
Lo Studio Associato di Radiologia Dott. Pasta è consulente diagnostico ufficiale di

  • Parma Calcio 1913
  • Zebre Rugby